La fotografia di paesaggio è un genere che tutti quanti sperimentiamo, almeno una volta nella vita. Il rischio, quando si fotografa un luogo, è quello di scadere nella banalità, specialmente se si tratta di un posto normalmente frequentato da turisti e non un remoto angolo della Terra. Nelle due foto seguenti, selezionate per la mostra What a Wonderful World, due grandi fotografi della National Geographic Society hanno usato il loro tocco per rendere “magici” questi paesaggi: uno, col potere di uno sguardo originale, l’altro col fascino di una prospettiva azzardata. Vediamo che cosa rappresentano.

Come un dipinto

Alberi riarsi di Acacia erioloba. Dead Vlei, Namibia ©Frans LantingSpesso, per scattare una foto memorabile, bisogna essere nel posto giusto, al momento giusto, con un’idea in testa. Questo ha fatto Frans Lanting quando ha fotografato le acacie morte nel Dead Vlei, una pozza inaridita circondata da dune ferrose alte 400 metri nel deserto del Namib. Ha atteso pazientemente fino a quando il sole nascente, toccando il suolo argilloso ancora in ombra, non ha illuminato gradualmente le dune creando un contrasto incredibile. Il diaframma della fotocamera chiuso, per sottolineare più nitidamente i cespugli erbosi dello sfondo, e un filtro digradante, per compensare la differenza di luminosità, sono stati gli unici accorgimenti tecnici per ottenere questo scatto che ricorda un dipinto. Ancora pochi minuti e i turisti e il sole avrebbero invaso la pozza ormai asciutta facendo sfumare quell’attimo magico. Questa fotografia, pubblicata sulle piattaforme digitali del National Geographic, è stata vista da più di mezzo milione di persone in due giorni. Il potere dell’immagine.

Frans Lanting

Frans è considerato uno dei più grandi fotografi dei nostri giorni. Nato a Rotterdam nel 1951, dopo la laurea in economia si è trasferito in America per studiare pianificazione ambientale. Nell’arco di trent’anni ha documentato la natura dall’Amazzonia al continente antartico, per promuovere la comprensione del mondo e della storia naturale attraverso immagini che trasmettano passione per l’ambiente e un senso di meraviglia e stupore nei confronti del nostro pianeta. «Ha la testa di uno scienziato, il cuore di un cacciatore e l’occhio di un poeta», dicono di lui. Le foto di Frans devono molto all’arte e alla letteratura così come alla scienza, alla tecnologia e alle sue personali esperienze con la natura e gli animali in tutti e sette i continenti.

Batteri arcobaleno

La più grande sorgente calda degli Stati Uniti. Grand Prismatic Spring, Wyoming ©Michael Nichols

Questa sorgente di acqua calda, che raggiunge i 70°C e ha un diametro di 110 metri, è la più grande degli Stati Uniti e la terza al mondo. Il nome Grande Sorgente Prismatica deriva dalla sua colorazione: mentre il centro del bacino è sempre di un azzurro intenso, i colori vicino ai bordi vanno dall’arancione al rosso in estate e tendono al verde in inverno. Questo incredibile effetto è dato dalla presenza nell’acqua di batteri termofili, che prosperano ad alte temperature. La foto è scattata dall’alto con un drone, e si possono apprezzare sia le sfumature di colore dell’acqua che quelle della terra del parco di Yellowstone.

Michael Nichols

Michael è originario dell’Alabama. Nato nel 1952, all’inizio degli anni Settanta è stato arruolato nell’unità di fotografia dell’esercito americano. Dopo aver studiato alla University of North Alabama, dove ha incontrato il suo mentore, l’ex fotografo di Life Charles Moore, Michael ha iniziato la sua carriera da fotogiornalista nel 1979. Ha realizzato lavori sugli elefanti, la natura africana, i leoni, gli zoo americani, le tigri, il rapporto fra uomo e scimpanzé. Usa tecniche innovative per creare enormi immagini composite, come quella di una sequoia alta 90 metri e vecchia di 1500 anni. Su National Geographic ha pubblicato 27 articoli, prima di andare in pensione nel 2016. Vive a Sugar Hollow (Virginia) con la moglie, l’artista Reba Peck.

 

Scopri nuove curiosità su altre fotografie in mostra!

0
0
0
s2smodern

Iscrizione Newsletter

MOSTRE